elena_manara_M3

 

Ho cominciato circa 8 anni fa da esperienze pratiche nell’ambito sociale, come volontaria, operando in due Onlus milanesi per cui collaboro tutt’oggi: si tratta del CAF Onlus (Centro di Aiuto al Bambino Maltrattato e Abusato e alla Famiglia in Crisi – ospita bambini dai 2 ai 13 anni che sono stati allontanati dalla famiglia con decreto del tribunale per maltrattamenti, abusi sessuali, abbandono genitoriale, genitori tossicodipendenti e quant’altro) e della Comunità Oklahoma (ospita minori stranieri maschi arrivati in Italia non accompagnati e si occupa anche di minori, sempre di sesso maschile, in misura penale o cautelare; la comunità si occupa dell’educazione, del recupero e del reinserimento, al compimento del diciottesimo anno, nella società attraverso borse lavoro).
Vorrei riuscire a unire questa mia dedizione al sociale con l’aspetto politico, cercando di specializzarmi il più possibile, con l’alto obbiettivo di lavorare in futuro in Regione all’assessorato per le politiche sociali e della famiglia.
Subito dopo la laurea triennale in Filosofia, conseguita tra la Boston University e la Statale di Milano, e dopo un master in Marketing e Comunicazione nei Digital Media presso la Business School del Sole24Ore, ho lavorato due anni in due differenti realtà aziendali che mi hanno insegnato molto sull’impostazione del nostro sistema: presso Ralph Lauren come Merchandiser Coordinator e presso Accenture nel Change Management.
Ho lasciato volontariamente Accenture 15 giorni fa, proprio per dedicarmi al mio sogno e non avere rimpianti in futuro. Vorrei ora vivere a pieno la mia passione e far sì che diventi il mio lavoro, innanzitutto diventando Assistente Sociale Specialista (finita la specializzazione in Gestione e Programmazione dei Servizi Sociali, conseguirò un esame di Stato per l’abilitazione alla professione) e, in parallelo, adoperandomi per la mia città.

 

IL PROGRAMMA

 

SICUREZZA

  • pattugliamento di quartiere (ossia agenti di polizia, non solo organizzati in volanti ma anche PEDESTRI, sia in orario diurno che notturno, con postazioni fisse nelle zone nevralgiche) implementato da un sistema di videosorveglianza nei punti ritenuti strategici
  • riformulazione di un nuovo Regolamento di Polizia Urbana per consentire una maggiore efficacia al contrasto della prostituzione su strada, dell’accattonaggio molesto, del consumo di alcol nei parchi e giardini pubblici, dell’abusivismo commerciale
  • Sicurezza condominiale: implementazione e attuazione di nuovi accordi specifici con le associazioni degli amministratori di condominio, in modo che si impegnino nel segnalare possibili situazioni di illegalità e di degrado. Un lavoro così capillare permetterebbe un miglior controllo e una maggiore collaborazione dei cittadini, in quanto direttamente coinvolti
  • esproprio delle palazzine abbandonate e rimessa in sicurezza delle stesse; faccio particolare riferimento a palazzine INTERE nel quartiere Lambrate/Rubattino in via dei canzi, via arrighini e via rubattino, totalmente abbandonate e nelle mani di bivacchi e abusivi. Ciò potrebbe risolversi, almeno parzialmente, nella proposta di riconversione di queste in strutture / campi sportivi, cercando un accordo con il Comune e, ad esempio, creando dei bandi in cui i privati che sono interessati ad investire possano comprarle per rimetterle in sesto
  • azioni di contrasto alla dipendenza da gioco, in quanto sono in crescita le sale gioco soprattutto nella zona 3

 

IMMIGRAZIONE

  •  gestione intelligente e nel rispetto dei diritti umani del problema immigrazione, con l’obbiettivo di eliminare gli stazionamenti degli immigrati per strada
  • organizzazione di “task force” che facciano controlli in modo sistematico e periodico dei documenti in modo da poter avere un data base identificativo valido e aggiornato per il maggior numero di persone possibile
  • smistamento di coloro che sono in possesso di documenti e o permessi umanitari/rifugiati politici nelle strutture di prima accoglienza, con relativo smistamento di chi è minore nelle comunità specifiche.
 

VIABILITA’

  • Via Rombon: progetto imbocco/sbocco tangenziale (uscita Lambrate)
  • miglior gestione della raccolta dei rifiuti in modo che venga ultimata nelle prime ore della mattina e che non si protragga oltre le ore 8, bloccando le strade e alimentando il traffico

MIGLIORAMENTO DELL’ARREDO URBANO

  • posizionamento di cestini (zona città studi e Via Porpora totalmente DESERTA)
  • cura del verde: rimessa in sesto di giardinetti e aree cani (es Piazza Aspromonte, Piazza Bacone)
  • riasfaltatura delle strade dissestate.