La nostra città deve diventare attraente per le persone che decidono di sposarsi e avere figli.

In questo momento, complice una situazione economica difficile e una legislazione fiscale non all’altezza, le istituzioni fanno poco o niente per aiutare le famiglie. Noi vorremmo invertire questa tendenza partendo dagli ambiti su cui l’amministrazione comunale può influire.

Non si tratta di una battaglia di principio ma al contrario di un impegno concreto per il futuro delle nostre comunità e della società. La famiglia infatti ( “società naturale fondata sul matrimonio”, come dice la nostra Costituzione) è “la cellula fondamentale della società umana” (Papa Francesco).

Questo significa che dalla famiglia si deve ripartire per rispondere al problema della disgregazione sociale, alla crisi economica e al senso di infelicità e solitudine che cresce in particolare nel nostro mondo occidentale.

Il sostegno alla famiglia deve essere declinato in alcune proposte concrete e realizzabili:

  • considerazione più incisiva dei carichi di famiglia nella determinazione dei tributi di competenza del Comune: Addizionale comunale IRPEF, Tasse sulla casa, Tassa rifiuti, ecc… MENO TASSE PER CHI HA FIGLI;
  • pass famiglia: un pass auto inviato gratuitamente dal comune alle famiglie con tre o più figli conviventi a carico, con il quale parcheggiare l’auto in tutti gli spazi gialli e blu della città;
  • tariffe agevolate per famiglie per l’accesso ai servizi comunali, anche a prescindere dal meccanismo farraginoso dell’ISEE (redditi). Ad esempio: biglietto famiglia per piscine ed impianti sportivi comunali, biglietto famiglia per i mezzi pubblici;
  • aumentare i fondi destinati agli oratori estivi per supportare le famiglie nei periodi in cui i ragazzi non vanno a scuola;
  • supporto agli anziani, che sono parte integrante e fondamentale delle famiglie milanesi;
  • case per le giovani coppie che vogliono sposarsi: potenziamento dell’housing sociale e incentivo a progetti di co-housing;
  • bike e car sharing a misura di famiglia: seggiolini per bambini piccoli, biciclette per ragazzi, abbonamento familiare;
  • investimenti nei parchi pubblici (come ad esempio il Parco Lambro) perché siano sempre più a misura di famiglia, con aree gioco per i più piccoli, bagni pubblici dignitosi, chioschi e bar confortevoli.